Gianni Rosato Attore Calabrese Internazionale

Gianni Rosato, un attore che a differenza di molti suoi colleghi, oltre che per bravura, ha la particolarità di essere estremamente gentile e cortese, caratteristica non di poco conto per chi appartiene al mondo dello spettacolo. Gianni, di strada ne ha fatta sino ad oggi; ha lasciato la sua Calabria per approdare a Roma per inseguire il suo sogno, quello di diventare un bravo attore. Con entusiamo e sacrificio, sta continuando a proteggere il suo sogno, con il sorriso, suo immacabile compagno di viaggio.

Sarà anche presente nella Serie TELEVISIVA 2022 – VIOLA COME IL MARE regia di F. Vicario con Can Yaman.

Gianni Rosato

E’ un sognatore e lo è sempre stato. E’ nato in Calabria, a Catanzaro, cresciuto in Piemonte e vive a Roma ormai da 16 anni. Ha scelto la capitale per coltivare la sua passione più grande, ovvero la recitazione. La città magica ed eterna per eccellenza offre svariate possibilità che altre non potrebbero darti. E’ un ragazzo molto altruista, solare e passionale, è del Sud, non potrebbe essere diversamente! E’ convinto che nella vita niente gli sia dovuto, anzi, che sia necessario lavorare duramente, anche se non sempre purtroppo si riesce subito a portare a casa un risultato. Per un lungo periodo, infatti, ha fatto provini su provini, ma non lo richiamava nessuno. Non si è mai buttato giù però, ha sempre lavorato, facendo il cameriere per pagarsi gli studi e spesso, per affrontare queste spese, non riusciva ad arrivare a fine mese, ma era felice perchè inseguiva un sogno, il suo sogno e si è ripromesso che non avrebbe mai permesso a nessuno di calpestarlo, perchè era il suo e soltanto il suo.

Lo Spot per il Famoso Olio Carapelli come Unico Protagonista:

https://www.youtube.com/watch?v=5KrbGYqXPBk

Ciò che mi ha colpito quando ho conosciuto il grande Gianni Rosato è stato quando ha detto:

Penso alla gioia e all’orgoglio di essere uno del Sud, ma al tempo stesso alla rabbia nel vedere che molte zone della nostra straordinaria terra, che ha un potenziale illimitato, restano aride e nessuno investe per apportare migliorie. Ogni anno sono centinaia i ragazzi che si iscrivono all’università per fare un percorso formativo che purtroppo solo pochi porteranno a termine con successo; altri restano a casa a godere della pensione della zia anziana o della nonna ormai morente; altri ancora lavorano pochi mesi per poi richiedere la disoccupazione. Ecco, vorrei rivolgermi a questi ragazzi, che, come me, saranno gli uomini di domani. Dobbiamo essere ambiziosi, determinati, non dobbiamo mai dire di non avere possibilità! Dobbiamo solo credici e volerlo davvero! In Calabria ho la mia famiglia, i parenti e molti amici. Essendo un po’ sparsi per l’Italia, l’estate diventa il modo per rivederli un po’ tutti. Mi piace parlare di come le nostre vite siano cambiate, dei sacrifici fatti per realizzare i nostri sogni e perché no, mi piace anche confrontarmi con chi ha deciso di restare in paese e mettere su famiglia.

Tra i suoi ultimi lavori parliamo di YURIA:

Da un’idea di Gianni Rosato e la regia di Mattia Riccio è nato il film “Yuria” prodotto da “Welcome to Sardegna srl” in collaborazione con “Vinians srl” e trasmesso dal 22 ottobre scorso su Amazon Prime Video.

Un thriller di 45’ minuti girato completamente a Curinga in cui non manca la suspense. Non lasciandoci ingannare dalla produzione, il film è stato realizzato grazie al contributo finanziario dell’Amministrazione comunale di Curinga che ha voluto investire in un progetto ambizioso e particolare, fortemente sostenuto dal conterraneo Gianni Rosato, che con questo lavoro ha voluto rendere omaggio al suo paese natio, per far conoscere le sue bellezze a livello internazionale.

Una trama particolare dai molteplici intrecci, ambientata in uno dei posti più suggestivi del territorio curinghese ovvero il Monastero di Sant’Elia.

Di Curinga però compaiono altri luoghi caratteristici come la chiesa dell’Immacolata da cui prende il via il thriller, con le comparse interpretate da cittadini curinghesi, mentre il cast vede fra gli attori, oltre a Rosato, Cinzia Scaglione, Valeria Giolitti, Fabio Massenzi, Alessandro Sardelli, Marco Stabile e Davide Lo Coco.

La trama si snoda sulla misteriosa scomparsa di Yuria, avvenuta in concomitanza alla morte di un monsignore trovato avvelenato. Da qui la decisione del Vaticano di inviare un ispettore, fra Ludovico (interpretato da Gianni Rosato) che deve indagare sul caso. Una trama intensa che si basa sul mistero, metafore e mezze verità fanno il resto, sono poi le interpretazioni degli attori a lasciare la giusta suspense allo spettatore a cui rimane la voglia e la curiosità di scoprire e vedere il seguito. Il film si sviluppa su scene recitate, silenzi che parlano più delle parole, musiche particolari ed inquadrature di paesaggi e monumenti unici come l’Eremo di Sant’Elia, il Platano, la stessa Curinga.

Senza svelare troppo, il film avrà un seguito, dopo il successo della messa in onda su Amazon Prime, è stato richiesto di realizzare Yuria 2 e Yuria 3, mentre come fa sapere lo stesso Rosato, si sta già lavorando anche alla realizzazione della serie per cui si punta a Netflix.

Impegnato sul set di un nuovo film che si sta girando tra Milano, Roma e Budapest, di cui non svela la trama ma solo che si tratta di un revenge movie, il racconto di una storia vera, che uscirà nelle sale italiane agli inizi del nuovo anno e che vede Rosato come protagonista assoluto, l’attore romano di adozione è soddisfatto del successo che sta riscuotendo Yuria e dal seguito che avrà.

«Sono contento del successo che sta riscuotendo Yuria, delle recensioni ricevute da My Movies, ed altri autorevoli siti e riviste. È una soddisfazione vedere Curinga in un film e soprattutto farla conoscere ad un ampio pubblico, di questo ringrazio l’amministrazione comunale che ha contribuito finanziariamente alla realizzazione di Yuria», ha così commentato l’attore Rosato sentito a qualche giorno dall’uscita del film su Amazon Prime.

YURIA
https://www.parisesilvestroofficial.it/alla-scoperta-dei-bronzi-di-riace/

Sarà presentato giorno Lunedì 4 Aprile alle ore 10.30 presso la Torre Aragonese il progetto “BellaCalabria”.
Si tratta di un progetto promo-commerciale che coinvolgerà 26 Imprenditori del settore Agroalimentare calabrese. Le aziende aderenti al progetto avranno la possibilità e l’opportunità di operare a livello commerciale in tutto il mondo, grazie a rapporti di cooperazione e di supporto con Strutture internazionali che operano nella logistica e distribuzione mondiale.  Alla manifestazione organizzata dal Gal kroton saranno presenti il Console Giovanni Bella operatore ed esperto del commercio estero, Natale Carvello presidente del Gal kroton, Martino Barretta coordinatore della rete delle imprese.

Bella Calabria
https://www.crotoneinforma.it/inprovincia/2022/04/01/bellacalabria-la-manifestazione-organizzata-dal-gal-kroton/49317/

https://www.parisesilvestroofficial.it/destinazione-calabria/

Dal 27 al 29 maggio in occasione del Gran Premio d’Italia MotoGP all’Autodromo Internazionale del Mugello, i prodotti del progetto BellaItalia sponsorizzato da Gal Kroton saranno esposti e degustati nell’area dedicata ai servizi VIP Village. Una vetrina internazionale ed eccezionale per 16 produttori calabresi e i loro prodotti che avranno una grande opportunità di visibilità a livello mondiale. Per il Presidente di Gal Kroton Natale Carvello “sarà una grande opportunità di promozione non solo per il territorio calabrese ma anche per la Calabria, un’occasione per valorizzare le nostre eccellenze agroalimentari”. Gli aspetti organizzativi saranno curati da Giovanni Bella Food Beverage Manager di BellaCalabria oltre che da un esperto di logistica e world trade, che si occuperà anche della gestione dei rapporti con gli operatori commerciali.

Bella Calabria
https://www.ilcirotano.it/2022/05/04/i-prodotti-del-progetto-bellacalabria-del-gal-kroton-fino-al-29-maggio-al-motogp-del-mugello/

https://www.parisesilvestroofficial.it
Giovanni Bella Group

Riconosciuto

CROTONE – È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il disciplinare per il riconoscimento dell’Indicazione geografica del finocchio di Isola di Capo Rizzuto. Ad annunciarlo il presidente del Comitato per l’Igp Finocchio di Isola di Capo Rizzuto, Aldo Luciano.

«Questo vuol dire – ha commentato a caldo lo stesso Luciano – che è terminato positivamente l’iter amministrativo-comunitario per il riconoscimento del marchio Igp. Con il riconoscimento dell’IGP finocchio di Isola di Capo Rizzuto si apre una fase nuova di opportunità e di crescita per l’intero territorio, in quanto aumenterà la reputazione e il valore dei prodotti, con più qualità per i consumatori, più lavoro e più opportunità per il luogo di provenienza. Felici del traguardo raggiunto – prosegue il presidente Luciano – siamo consapevoli che oggi è solo l’inizio di un magnifico percorso che tanto bene potrà portare a tutto il comprensorio interessato dal marchio. Nei prossimi giorni, infatti, saremo già a lavoro per proseguire nelle azioni necessarie per dare concretezza allo straordinario.

Un iter che è iniziato nell’ottobre 2016 ed ha visto approvazioni sia a livello regionale, un confronto con il Ministero competente, che è durato due anni, per alla pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale italiana. La palla, poi, è passata alla Commissione europea che ha avviato l’iter il 26 novembre 2021. Sono stati richiesti chiarimenti ed integrazioni, ma alla fine, dagli uffici della sede di Alicante, è arrivata la pubblicazione anche sulla Gazzetta ufficiale europea.

L’approvazione dell’Igp, come spiega Enzo Tolotta, agronomo che ha seguito l’iter per il comitato, «comporta che il nostro finocchio non verrà più venduto tale e quale, ma in loco ci deve essere sia la prima lavorazione, cioè la pulitura, sia il confezionamento, già pronto per la grande distribuzione, con un valore aggiunto per i produttori».

L’area del consorzio del finocchio di Isola abbraccia 6 comuni del Crotonese e due del Catanzarese, vale a dire: Isola Capo Rizzuto, Crotone, Cutro, Mesoraca, Rocca di Neto, Strongoli, Belcastro e Botricello. «Dal disciplinare approvato – aggiunge Talotta – la potenzialità per l’anno scorso della produzione degli aderenti al consorzio è di tremila ettari. La produzione per ogni ettaro si aggira dai 300 ai 400 quintali».

Infine, sottolinea come il principale problema della produzione dei finocchi nell’area del consorzio è quella della mancanza d’acqua, che il presidente del comitato, Luciano, ha già portato all’attenzione dell’autorità. Problemi anche sul fronte della raccolta, con la difficoltà di trovare manodopera per la raccolta.

Soddisfazione per il traguardo ottenuto è stata espressa dal sindaco di Isola Capo Rizzuto, Maria Grazia Vittimberga. «Il finocchio di Isola Capo Rizzuto – scrive – è un marchio ad Indicazione geografica protetta. Adesso è ufficiale. Era nell’aria da tempo, abbiamo atteso con ansia questo giorno e ora finalmente è arrivato. Il marchio Igp è sinonimo di qualità e da oggi si apre una nuova pagina per la nostra agricoltura e per la promozione del nostro territorio. Sono davvero emozionata, e da Sindaco di questa città mi complimento e ringrazio il Comitato Finocchio di Isola Capo Rizzuto che sin dal primo giorno ha creduto in questo sogno, che oggi è diventato realtà».

«Un lavoro – conclude la prima cittadina – andato avanti per anni, un percorso lungo e certamente non facile, fatto di tanti sacrifici da parte dei componenti del comitato promotore: su tutti mi sento di fare il nome di Aldo Luciano, colui che più di altri ci ha sempre creduto».

La notizia è stata data durante il Macfrut di Rimini dove i prodotti calabresi saranno protagonisti fino al 6 maggio.

Alla kermesse internazionale la Regione Calabria partecipa – così come recentemente avvenuto anche al Vinitaly a Verona e al Seafood Expo di Barcellona – con il brand “Calabria Straordinaria”, che rievoca tratti identitari di una cultura antica, di un patrimonio storico legato all’agricoltura ed alla coltivazione di prodotti di eccellenza.

http://www.corriereortofrutticolo.it/2022/05/06/finocchio-isola-capo-rizzuto-diventa-igp/

https://www.quotidianodelsud.it/calabria/crotone/cronache/alimentazione/2022/05/06/il-finocchio-di-isola-capo-rizzuto-e-un-igp-ma-restano-le-incognite

https://www.parisesilvestroofficial.it/le-castella-e-la-cultura-2021/

https://www.lacnews24.it/economia-e-lavoro/agricoltura-il-finocchio-di-isola-capo-rizzuto-ottiene-il-riconoscimento-igp-grande-soddisfazione_154003/

Destinazione Calabria

Destinazione Calabria
Destinazione Calabria 2022

L’iniziativa è organizzata dal GAL Kroton in collaborazione con la Società Parise Silvestro Official con sede in Germania

Si svolgerà Venerdì 28 Gennaio dalle ore 16.30 un Webinar per la presentazione del progetto dal titolo “Destinazione Calabria – Stili di vita di qualità”. Scopo attrarre turisti e promuovere qualità e nuovi stili di vita sostenibili nonché  scoprire in prima persona dove nascono le eccellenze agroalimentari calabresi. L’iniziativa sarà l’inizio di un progetto che attualmente si sta realizzando a favore della promozione di tutte le eccellenze che la Calabria ha da offrire. All’iniziativa interverranno Anette Rietz della DLC-Destination Lifestyle di Berlino – esperta dell’Italia e specializzata in  strategie di marketing, organizzazione di eventi, promozione turistica, Sales. Per quanto concerne la commercializzazione di prodotti food & beverage interverrá Giovanni Bella, Presidente dell’azienda Bella Giovanni Shipping & Trading, gruppo consolidato nell’esportazione di prodotti italiani e nella Logistica.

 

FONTE

FONTE

FONTE

FONTE

                                                   Il Comune di Maierà e il Museo del Peperoncino 

                                                                                            

                                                                                                     Comune di Maidà                                    Borgo della Ceramica 

                                                                                                                                                                                              “Ceramica Viva“

                                                                                                                                                                                       “Via delle Ceramiche d’Italia“                                                                                                   

                                                                                                               

    

L’origini del toponimo Maierà, vanta due scuole di pensiero, che nel corso degli anni, hanno provato a spiegarne l’etimologia del nome.

Secondo il prof. Orazio Campagna, originario del borgo, il toponimo ebraico deriva da M’arà (grotta), – proprio per la presenza di cavità naturali presenti nell’intero territorio -;

Secondo studi più approfonditi sul caso, pare che la questione sulle origini del toponimo Maierà, sia stata aperta molto tempo prima, nel 1700, quando lo Studioso Francesco Antonio Vanni, teorizzo l’ipotesi greca: Maierà deriverebbe dal greco Makhairas (coltellaio).

 

“La teoria del Vanni, troverebbe conferma nella conformazione increspata

delle rocce di Maierà, che ricordano quella di lame o di spade,

 meraviglie naturali che ancora oggi si possono osservare” – (Pablito Sandalo – storico).

Maierà è un piccolo e suggestivo borgo della Calabria, sito nella provincia di Cosenza, incastonato nell’alto tirreno cosentino, una porzione di Calabria baciata dalla bellezza della natura, famosa come Riviera dei Cedri;

un comune di 1.300 anime (circa) ricadente nel cuore del Parco Nazionale del Pollino.

Conosciuto come un piccolo borgo, a causa della sua caratteristica posizione, poggia su delle “scivole” (rocce), in un’incantevole scenario storico-naturale, a 360 metri di quota dal livello del mare:

il paese è separato dal vicino e dirimpettaio paese di Grisolia, per mezzo della “Vallata dei Mulini”, dove dalla piazza antica, tutt’ora, si può ammirare quel che resta degli stessi Mulini in pietra, in passato al centro dell’economia.

Narra una leggenda popolare, che Maierà e Grisolia, furono separati dalla volontà di Dio, per porre fine alla disputa sorta tra un “giovane majeraioto” ed un “giovane grisilioto”, per l’amore verso la stessa fanciulla di Grisolia!

 

 

Le strette viuzze del centro storico,

conservano diverse Opere d’Arte moderne,

Murales e Opere in Ceramica curate da differenti artisti

a testimoniare il Passato che si Incontra con la modernità.

A tal riguardo sono stati realizzati i progetti

Ceramica Viva” e “Via delle Ceramiche d’Italia

progetti Ideati e Curati dal prof. Fulvio Longo,

progetti conclusosi con la realizzazione di quattro Cataloghi:

                        

Tra le tante opere di pregio,

imponente per dimensioni e qualità di materiali utilizzati,

risulta

“SEMPRE NUOVA E’ L’ALBA” 2015 – Angelo ALIGIA.

L’ultima opera collocata nel centro storico di Maierà – luglio 2019, è stata realizzata dal

maestro ceramista Tiziano De Luca

insieme agli alunni della scuola primaria di Maierà

(Progetto PON “Itinerari Narrati”,

modulo “Maierà nel Parco Nazionale del Pollino” – I.C. Diamante)

Due risultano le “ Pubblicazioni “ su Maierà :

                                                       

Orazio Campagna                                                                      A cura di Amato Campolongo e Giovanni Celico

Edizioni Brenner – Cosenza                                                                            Editur Calabria

                                                                           IL MUSEO DEL PEPERONCINO

                                                                          Piazza Francesco Vaccaro già Sindaco

                                                                          87020 MAIERA’ (Cs) – Calabria – Italia

                                                                                                      

 Comune di Maierà

(Prov. di Cosenza)

dal 2016

www.piccolimusei.com

Gemellato con

Satriano di Lucania (Pz)

Gemellato con

Civitella sul Lago (Tr)

    Comune di Maierà   0985889102

  Accademia Italiana del Peperoncino 09858113

museodelpeperoncino.maiera@gmail.com

 

Il Museo del Peperoncino

  museodelpeperoncino.maiera

 

Ubicato nel Palazzo Patrizio, nel cuore del centro storico di Maierà, nasce da un’idea del prof. Enzo Monaco – Presidente dell’Accademia Italiana del Peperoncino e sostenuta dall’Amministrazione Comunale di Maierà e dal Consorzio Peperoncino Calabria.

Da Luglio 2016 fa parte dell’Associazione Nazionale Piccoli Musei.

Vanta due “gemellaggi” : con il Museo “Pepem Fabuleum” di Satriano di Lucania (Pz) e con il Museo “Ovo Pinto” di Civitella sul Lago (Tr).

Un Museo per raccontare seimila anni di storia.

Un posto per mettere in mostra l’arte, gli oggetti

e la pubblicità  ispirata al “diavolillo”.

Un riferimento obbligato per gli amanti dei profumi

e dei sapori piccanti.

La testimonianza e la memoria

di un grande amore per la Calabria

che lo ha eletto a simbolo della sua identità culturale.

 

E’ dotato di varie sale espositive e precisamente:

Notizie e kit di coltivazione, arricchiscono la sezione.

Profumi, bagno-schiuma, accendini, il “Peperoncino Spray” realizzato da Emiliano Cirillo con bombolette spray (utilizzati per alcuni Murales di Diamante), i quadri ed i manifesti delle pubblicità, il costume di carnevale, il peluche e i festoni a peperoncino, e tante infinite curiosità sono ubicate nella stessa.

Novità in assoluto è la Collezione “Walt Disney Pic” realizzata con l’arte della pirografia della Signora Fiorella.

1 – I segni zodiacali;

2 – “Zafarana di Tortora” (in provincia di Cosenza) il peperone rosso per eccellenza della Calabria;

3 –  Le Creazioni Artigianali Pic di Angelo PEPPER Sansone.

4 – La novità 2019 : “Il Museo del Peperoncino” nel Museo del Peperoncino è un’opera realizzata dal laboratorio “I Ceramili” di Eduardo Ziruffo;

 

La Collezione

“ Chiliphernalia

di Harald Zoschke – febbraio 2017.

Curiosità desta il Presepe Pic in Miniatura realizzato dalla famiglia Tiscione di San Gregorio Armeno (Na) – la patria dei presepi.

Belli e colorati risultano essere le Creazioni di Fiorella : costumi, pareo, copri-costume, teli tutto a tema peperoncino.

All’interno di essa è ubicata una opera marmorea realizzata da Michele Valenza che ritrae il Gemellaggio Piccante tra il “Peperoncino di Diamante” ed il “Pomodoro siciliano di Villalba”, oltre a pezzi dell’eros…piccante!

Interessante e colorato è l’angolo del Cioccolato & Peperoncino.

All’interno è possibile trovare Gadget e Prodotti Piccanti da gustare e da regalare.

Il Museo è aperto: dal 15 Giugno al 15 Settembre tutte le sere dalle ore 18:00 alle 22:00.  Durante i cinque giorni del “Peperoncino Festival”, che si svolge ogni anno a Diamante (Cs), è aperto dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle ore 15:00 alle 18:00.

I gruppi e le comitive possono concordare i giorni e gli orari delle Visite in qualsiasi altro giorno, telefonando all’Accademia Italiana del Peperoncino (tel. 098581130) e al Comune di Maierà (tel. 0985889102).

Cartelli e Segnali indicheranno il Museo con un “logo” inconfondibile, un Peperoncino Rosso Fuoco collocato sopra un Capitello.

********************

All’Interno del Palazzo Patrizio, si possono ammirare durante l’anno :

 

– Mostre di vario genere;

– Mostra permanente del Parco delle Sculture – Opere di Franco Perrone;

– Mostra fotografica in Bianco&Nero “ MAIERA’ TRA BORGO E CHIESE “ a cura di Photo Praino – Maierà.

********************

MONUMENTI e CHIESE

Imponente e bella da vedere, è la “Porta Grande o della Terra”, un tempo l’ingresso dell’antico borgo.

Nei pressi vi era la “Guardiola” da dove, notte e giorno, si vigilava sulla comunità.

Di notevole pregio è la ”Chiesa Madre di Santa Maria del Piano”, sempre nel Centro Storico di Maierà, costruita per Volere di Carlo I d’Angiò, nel 1534:

la stessa, sotto Alfonso di Loria, subì una totale trasformazione, difatti dov’era l’ingresso fu posto l’altare maggiore

Fu ampliata, avendo il barone acquistato ‘alcuni setti di Case’.

Sulla Facciata fece riprodurre lo stemma suo e della moglie, ancora ben

conservato, anche se ha perduto le tinte originali

Dedicata a Santa Maria del Piano, se ne celebra la festa il 2 di Luglio

Dislocate sul territorio comunale, altre Chiese:

Di Storica importanza risulta essere la

Grotta di San Domenico ” :

sono delle cavità naturali e in parte scavate dall’uomo.

Esse furono dimora di comunità di monaci basiliani.

Recentemente ristrutturato e da ammirare dal vivo,

sono i resti di Corte probabilmente Longobarda,

presso la Cappella Madonna del Carmine


…DA NON PERDERE…
 

Targa posta, nel cuore del Centro Storico, in Via Duomo, presso l’abitazione che fu utilizzata come prigione per il confinato Francesco Alunni Pierucci, prigioniero politico del regime fascista.

Maierà, difatti, rispetto agli altri paesi della costa, da Tortora fino a Sangineto, è stato l’unico paese a fungere da sede di confino durante il ventennio fascista.

Venivano destinati a Maierà i prigionieri politici ritenuti non pericolosissimi per il regime.

Alunni Pierucci non fu l’unico confinato ma di certo il più celebre in quanto futuro Senatore della Repubblica. Realizzata dall’Associazione Makhairas-ETS di Maierà.

Targa posta presso Palazzo Biondi:

come gli altri palazzi nobili presenti (Bruni e Vaccaro) è stato costruito tra la fine del 1600 e gli inizi del 1700.

Nei secoli, oltre a dimora nobiliare, ha ospitato la Caserma dei Carabinieri e le Scuole. Realizzata dall’Associazione Makhairas-ETS di Maierà.

Il PUNTO LETTURA :

un luogo senza vita, fino alla fine degli anni 80 un bar, oggi si risveglia, indossa un nuovo vestito, cambia volto e si apre ad una nuova esistenza.

Realizzato dall’Associazione Makhairas-ETS di Maierà.

Raffinata risulta essere la “ Via Crucis “ Installata nella frazione Vrasi, con preziose e delicate Maioliche, realizzata dall’artista Fulvio Longo

Da visitare il  “ Parco delle Sculture ”,

sempre a Vrasi, con installazioni di sculture in pietra realizzate dall’artista Franco Perrone.

Ideato e Curato dall’artista Angelo Aligia,

interessante è lo “ Spazio Expo Zona Sud “.

Negli anni accoglie mostre e incontri con artisti

e intellettuali di fama nazionale e internazionale :

con questa iniziativa riafferma e sottolinea il proprio ruolo di importante spazio di proposta culturale

nella zona della Riviera dei Cedri.

 

 

GASTRONOMIA

Dalle stesse viuzze, ogni giorno, si possono sentire i profumi della nostra gastronomia:

i “ Fusilli(pasta fatta in casa, intrecciata a bacchette di cannucce)

conditi al sugo di “ Carne di Capra “,

il ragù della stessa carne con contorno di “ Peperoni arrostiti “,

innaffiati da un ottimo bicchiere di “Vino Rosso” di Maierà,

ne fanno il tipico menù “majeraioto”, assolutamente da gustare.

Non possono mancare, inoltre:

le “lagane e ceci” con il pepe rosso;

le tagliatelle ai funghi porcini raccolti nei nostri boschi;

la “pasta e fagioli ‘ndufata”;

i “pepi cruschi”;

le minestre (di cicoriette selvatiche e di scarola) con i fagioli;

le “grispeddre” farcite con baccalà, con alici e con peperoni secchi (si preparano solitamente nel periodo natalizio);

i polli e i conigli allevati nei cortili delle abitazioni;

il “baccalà” con peperoni fritti (tipica pietanza in occasione della raccolta delle nostre uve);

il maiale nero (tipico del nostro territorio, oggi riscoperto) con tutti i prodotti legato allo stesso (salsicce, sopressate, prosciutti, capicolli, gelatina…e la n’duja piccante)!

Ottimi anche i formaggi.

I dolci tipici, si preparano nel periodo natalizio (“chinule” e “ccannaritole” condite dal miele di fichi) e in quello pasquale (“pizzatole”)

Ottima manifattura, risulta il vino rosso di Maierà, con le pregate uve “Duciciddr”, “Malvasia”, ”Verbicaro” e “Adduraca”.

La liquoristica fatta in casa, invece, delizia i nostri palati e dei nostri ospiti, con il cedro, il mirtillo, il limoncello, il mandarinetto e altri.

 

USI E COSTUMI

Le componenti umane della Nostra popolazione, sono rappresentate da un “Dialetto” che trae origine dal greco e dal latino; tuttavia non è esente da termini arabi, spagnoli e francesi. Esclamazioni, detti e proverbi, risultano ancora oggi diffusissimi.

Il sostrato delle “Credenze” popolari và ricercato nelle culture orientali e medievali. Oggi su alcune si ride, di altre ne è vivo il ricordo!

Gli “Usi” ed i “Costumi” della nostra popolazione, denotano antiche tradizioni alcune delle quali sono proprie del luogo, altre simili a quelle dei paesi vicini.

 

FESTIVITA’

Durante il periodo estivo vengono realizzate manifestazioni con spettacoli, mostre e serate gastronomiche al fine di promuovere le tipicità del posto.

FONTE

FONTE

Le Castella- Kalabrien

I SETTE VENTI DEL POLLINO

Magnifico borgo parte del circuito nazionale dei Borghi più Belli d’Italia, Civita, in Calabria, ospita l’unico
Centro di Educazione Naturale di tutta la regione. I SETTE VENTI DEL POLLINO si occupa di didattica
interattiva sui rapaci bandendo la caccia e gli spettacoli dall’antica arte della falconeria, di recente
nominata Patrimonio dell`Umanità dall`Unesco. Nel primo ed unico centro di falconeria naturalistica della
Calabria è possibile svolgere un percorso didattico INTERATTIVO, che prevede laboratori sulla cultura
ambientale e rurale e conduce i visitatori alla scoperta dell`affascinante e magico mondo dei rapaci, animali
fiabeschi dal carattere impressionante. La visita, che può variare a seconda delle tempistiche a disposizione,
è adatta ad ogni età, purché siate vestiti a cipolla e indossiate scarpe comode! Passo passo, conoscerete in
chiave naturalistica la vita di numerosi esemplari di rapaci. Non solo falchi quindi: tra gli animali del Centro
ci sono Shira, il maestoso gufo reale, Nuvola, il curioso barbagianni, Zeus, la giocherellona poiana, e tanti
altri tutti da scoprire attraverso un racconto legato alla biologia, fino ad arrivare alla chicca finale, l`inchino
con sua maestà Abel l`aquila reale, un incontro tanto ravvicinato da sentire il battito del suo cuore!
Insomma, l’emozione è garantita!
ATTENZIONE! Tutto quanto appena espresso non è da confondere assolutamente con attività da ZOO o
SPETTACOLI DA CIRCO!!!
Il Centro, oltre ad ospitare le visite come ottima occasione didattica per grandi e piccini, è inoltre la base di
partenza per tante altre attività: sport e avventura, arte e cultura, artigianato e gastronomia, indirizzate di
volta a giovani, famiglie, gruppi di appassionati, studenti, sportivi e non solo. Tra le più interessanti: le visite
agli scavi archeologici, diversi trekking (sia estivi che invernali con la neve), il birdwatching, i percorsi storici
e culturali, le degustazioni di prodotti tipici locali, i percorsi naturalistici presso le grotte carsiche,
l’arrampicata sportiva, vari laboratori legati all`artigianato locale, alla natura, e alle tradizioni calabresi, e
tante altre esperienze da poter vivere godendo inoltre di una vista mozzafiato!

Roberto Rugiano Agrotecnico e Guida Ambientale Escursionistica iscritto all`albo Italiano cod. CL254
Responsabile

Certificato eccellenza tripadvisor 2019
Certificato Travellers choice Tripadvisor 2020
https://www.tripadvisor.it/Attraction_Review-g1537377-d12103493-Reviews-Setteventi_del_Pollino-
Civita_Province_of_Cosenza_Calabria.html?m=19905

Offerta Esperienze I SETTE VENTI DEL POLLINO

1* “IL MONDO DEI RAPACI

“ Percorso didattico Interattivo “I RAPACI ad un Palmo di Naso”
Percorso NATURALISTICO sul mondo della GARIGA Calabra e dei Rapaci del Pollino, dove sotto chiave
naturalistica conoscerete la biologia dei nostri amici pennuti e tra questi Shira il Maestoso Gufo Reale,
Nuvola il curioso Barbagianni, Zeus la Giocherellona Poiana e tutti gli altri fino ad arrivare all’inchino di sua
Maestà Abel L’AQUILA REALE e a quel punto…Emozione Garantita quando sarete tanti vicini da sentire il
suo battito del cuore!!!
Programma:
10.30-13:00 oppure 15:00-18:00
Periodo: Tutto l`anno in tutte le date.
45 euro pax
( servizio guida 4 ore , interazione garantita con due differenti esemplari di rapaci, assicurazione)

2* “INTERA TRA I SETTEVENTI

Giornata intera immersi nel mondo dei Rapaci del Pollino
Percorso didattico Interattivo sul mondo dei Rapaci dove sotto chiave naturalistica conoscerete tanti
dettagli legati al nostro splendido territorio oltre alla biologia dei nostri amici pennuti e tra questi Shira il
Maestoso Gufo Reale, Nuvola il curioso Barbagianni, Zeus la Giocherellona Poiana e tutti gli altri fino ad
arrivare all’inchino di sua Maestà Abel L’AQUILA REALE e a quel punto…Emozione Garantita quando sarete
tanti vicini da sentire il suo battito del cuore!!!

La pausa Pic-Nic si fa direttamente da noi nella nostra area attrezzata e mangeremo ciò che esce di buono
dal nostro forno a legna nel rispetto delle tradizioni culinarie.
Programma:
10:00 Arrivo al centro
10:00 -12:00 Inizio percorso
12.30-14:00 Pausa pic-nic montanaro
14:00-17:00 Fine percorso
17:00-18:00 Interazione e foto con i rapaci attraverso il Battesimo del Guantone
Periodo: Tutto l`anno in tutte le date
80 euro pax
( Servizio guida 8 ore , interazione con due differenti esemplari di rapaci, assicurazione, pranzo conviviale.)
Il pranzo conviviale con noi prevede un momento condiviso di tradizione e sapori antichi nel rispetto della
cucina italo/arbresh tipica dei nonni montanari, per i dettagli si definiscono in base al periodo e alle nostre
produzioni al momento della prenotazione).

3* “TRA MITI E LEGGENDE

Giornata mista immersi nel Parco del Pollino tra Borgo\Natura\RAPACI
La giornata inizia alla scoperta tra storia e leggende del borgo di Civita piccolo borgo incastonato tra le
rocce del Pollino a strapiombo sulle Gole del Raganello che con i sui 17 km è uno dei Canion più lunghi ed
affascinanti d’Europa, si prosegue in discesa alla scoperta del Ponte del Diavolo e del perché del suo
misterioso nome sospeso tra le gole da oltre 1000 anni, si continua poi in montagna per anticipare il mondo
dei Rapaci e fare birdwatching presso il Carnario dei Grifoni con la speranza di avvistarne qualcuno in volo e
goderci il panorama mozzafiato che la natura ci regala. Si scenderà ad ora di pranzo per il Pic-nic presso la
nostra location all’interno dell’area Relax per avviarci poi nel primo pomeriggio al Percorso didattico
Interattivo sul mondo dei Rapaci dove sotto chiave naturalistica conoscerete la biologia dei nostri amici
pennuti e tra questi Shira il Maestoso Gufo Reale, Nuvola il curioso Barbagianni, Zeus la Giocherellona
Poiana e tutti gli altri fino ad arrivare all’inchino di sua Maestà Abel L’AQUILA REALE e a quel
punto…Emozione Garantita quando sarete tanti vicini da sentire il suo battito del cuore!!!
La pausa Pic-Nic si fa direttamente da noi nella nostra area attrezzata mangeremo ciò che esce di buono dal
nostro forno a legna.
Programma:
10:30 briefing in piazza
10:30-11:00 passeggiata tra i vicoli del borgo
11:00-11:30 Ponte del diavolo
11:30-12:30 Carnario dei Grifoni

12:30-14:00 Pausa pic-nic montanaro
14:00-17:00 Percorso didattico interattivo Rapaci
17:00-18:00 Interazione e foto con i rapaci attraverso il Battesimo del Guantone
Periodo: Tutto l'anno in tutte le date
95 euro pax
(Servizio guida 8 ore, utilizzo binocolo, interazione con due differenti esemplari di rapaci, assicurazione,
pranzo conviviale)

4* “ALBA AL PASCOLO

Giornata mista immersi nel Parco del Pollino tra Pascoli, Mandrie e RAPACI
La giornata inizia di buon ora quando raggiungeremo le mandrie di Mucche al Pascolo sulle colline che
sovrastano la piana di Sibari, arrivati poi con le mucche in stalla raccoglieremo il loro prezioso latte tutti
insieme per trasferirlo poi nelle sapienti mani della massaia che dinnanzi a noi compirà il millenario rito
della Caseificazione trasformando il latte in preziosa TUMA che diventerà con il tempo ottimo formaggio
che tutti conosciamo. La magia continua nel far affiorare la gustosa Ricotta che dal siero uscirà bella e
candida da regalare ai nostri palati un sapore per molti ormai perso!!! Si scenderà ad ora di pranzo per il
Pic-nic presso la nostra location all’interno dell’area Relax per avviarci poi nel primo pomeriggio al Percorso
didattico Interattivo sul mondo dei Rapaci dove sotto chiave naturalistica conoscerete la biologia dei nostri
amici pennuti e tra questi Shira il Maestoso Gufo Reale, Nuvola il curioso Barbagianni, Zeus la Giocherellona
Poiana e tutti gli altri fino ad arrivare all’inchino di sua Maestà Abel L’AQUILA REALE e a quel
punto…Emozione Garantita quando sarete tanti vicini da sentire il suo battito del cuore!!!
La pausa Pic-Nic si fa direttamente da noi nella nostra area attrezzata mangeremo ciò che esce di buono dal
nostro forno a legna.
Programma:
6:30-7:00 Arrivo al pascolo
7:00-8:00 Mungitura manuale(Esperienza mammelle Lattifere)
8:00-9:00Caseificazione
10:00-12:00 Riporto mandrie al pascolo
12:30-14:00 Pausa pic-nic montanaro
14:00-17:00 Percorso didattico interattivo Rapaci
17:00-18:00 Interazione e foto con i rapaci attraverso il Battesimo del Guantone
90 euro pax
( servizio guida 10 ore, degustazioni formaggio fresco, pranzo conviviale, interazione con due esemplari di
Rapaci, assicurazione)
Periodo: In base alla Lattazione degli animali da Dicembre a Giugno in Pianura/Collina, in Estate solo in alta
montagna

5 * “BIVACCO WILD

Giornata mista immersi nel Parco del Pollino tra Natura RAPACI e …
Stelle Cadenti
Torniamo indietro di qualche ora!!!
Ci siamo conosciuti già ieri sera quando di tardo pomeriggio abbiamo montato le tende sugli Ulivi…SI sugli
ulivi sopra delle piattaforme incastonate direttamente sugli alberi dove sarà facile scorgere l’Alba del Dio
Sole nel momento esatto in cui esce dalle acque dello Ionio e ci regala colori Unici!!!
La mattinata la dedicheremo ad un bel Trekking nelle campagne che si affacciano sulle Gole del Raganello
fino a che il sole ci accompagnerà all’ora di pranzo che svolgeremo nella nostra area naturale attrezzata per
il Pic-Nic
per avviarci poi nel primo pomeriggio al Percorso didattico Interattivo sul mondo dei Rapaci dove sotto
chiave naturalistica conoscerete la biologia dei nostri amici pennuti e tra questi Shira il Maestoso Gufo
Reale, Nuvola il curioso Barbagianni, Zeus la Giocherellona Poiana e tutti gli altri fino ad arrivare all’inchino
di sua Maestà Abel L’AQUILA REALE e a quel punto…Emozione Garantita quando sarete tanti vicini da
sentire il suo battito del cuore!!!
La pausa Pic-Nic si fa direttamente da noi nella nostra area attrezzata mangeremo ciò che esce di buono dal
nostro forno a legna.
Programma:
19:00-20:00 Arrivo al centro
20:00- 22:00 Cena wild attorno al fuoco amico di un Barbecue
07:00-08:00 Colazione con frittata e salsiccia
08:00-12:00 Trekking non impegnativo sulle orme dei Briganti
12:00-14:00 Pic-Nic Montanaro
14:00-17:00 Percorso didattico interattivo Rapaci
17:00-18:00 Interazione e foto con i rapaci attraverso il Battesimo del Guantone
Periodo: Da maggio a Settembre.
110 euro pax
( servizio guida 12 ore, cena wild, colazione con frittata, utilizzo attrezzatura, interazione con due esemplari
di Rapaci differenti, assicurazioni)

6* “TARTUFANDO

Giornata alla cerca dei Tartufi.
La giornata inizia sempre di buon mattino quando dopo una bella colazione si preparano i cani per
la cerca dei preziosi tartufi presso località consentite e nei periodi di apertura della cerca, si assisterà

alla frenesia dei Cani nel cercare anche sotto 60\70 cm di terra il prezioso tubero per
ottenere la carezza di ricompensa e regalare a noi una Esperienza che ha pochi uguali!!!
In ogni modo si arriverà poi nei pressi di una Fontana Sorgiva in piena Montagna LA FONTANA DEL
PRINCIPE Dove comunque vada la cerca ci rifocilleremo con UOVO FRITTO e PEPERONE KRUSCKO e
se troviamo il Tartufo perché no anche scaglie di Tartufo!!
In tarda mattinata si scenderà dalla quota per raggiungere il centro per il prosieguo della giornata
con Pic-Nic Montanaro e subito dopo per Percorso didattico Interattivo sul mondo dei Rapaci
Periodo: Giugno-Dicembre
110 euro pax
(Servizio guida 4 ore, assicurazione)

7* “SETTEVENTI WILD 

Esperienze di Sopravvivenza.
Questa è un’offerta particolarmente adatta a tutti gli amanti dell`adrenalina!
Esperienza dal gusto estremo che farà assaggiare il sapore dell`adrenalina in ambiente naturale per riuscire
a vincere le proprie paure e capire di che pasta siamo fatti. Gli ingredienti di questa esperienza saranno
INGEGNO ED ADATTAMENTO per vivere qualche giorno solo di ciò che la natura ci offre in modo del tutto
WILD.
Programma
15:30-15:45 Briefing
15:45- 17:30 Perlustrazione territorio
17:30-19:00 Realizzazione Bivacco
19:00-21:00 Tecniche di accensione Fuoco
21:00-23:00 trek notturno
7:00-8:00 colazione con frittata.
Questa è una esperienza opzionabile a tutte le altre con partenza da questa offerta semplice fino ad
arrivare a programmi di più giorni con bivacco in campo base oppure itinerante.
Tante sono i percorsi ed i modi per trascorrere qualche giorno immersi e sperduti nella natura wild del
pollino dove grazie ad alcune tecniche di Orientamento e di Sopravvivenza ogni uno dei partecipanti
metterà in risalto le proprie capacità lasciandosi alle spalle le paure del wild.( tutto si svolgerà in totale
sicurezza per i partecipanti seguiti da guide esperte ed ufficiale)
Programma e prezzi variabili in base ai percorsi scelti
Periodo: Tutto l`anno.
160 euro pax
(Servizio guida 8 ore, assicurazione)

8* “RITROVARE SE STESSI

Esperienza di Orientering
Tra le più belle esperienze adatte a tutte le età sicuramente è quella dell`Orientering, attività questa che
mette in risalto le proprie capacità di ORIENTAMENTO in ambiente sconosciuto per vincere la propria sfida
personale.
Programma:
8:30-8:45 Briefing di benvenuto;
8:45-10:30 Nozioni di base di Cartografia e conoscenza della Bussola;
10:30-10-45 creazioni gruppi/squadre;
10:45-13:30 gara di Orienteering
13:30-14:00 controllo schede e proclamazione vincitore
14:00-14:30 Attestati di partecipazione.
Considerate che questa è un offerta modulabile ad altre esperienze, con possibilità di creare innumerevoli
percorsi che variano in tempo e km da raggiungere.
Periodo: Tutto l'anno
60 euro pax
(Servizio guida 6 ore, attrezzatura, assicurazione)

9*“TREK

Escursioni guidate.
Per quello che riguardano i trek innumerevoli sono le proposte e le possibilità di realizzare percorsi anche
personalizzai in base alle esigenze o volontà del cliente, le offerte riguardano la visita ai Pini Loricati oltre
che a vari punti panoramici.
Il prezzo viene fatto in base al numero di partecipanti e all`itinerario scelto di volta in volta.
Periodo: Tutto l`anno
A partire da 15 cad.
(Servizio guida, assicurazione)
Nel caso di interesse ai trek possiamo approfondire dettagli per circa 20 offerte per itinerari differenti.
10* “CIASPOLANDO” Escursioni in Ciaspole
Escursioni in Ciaspole tra la neve delle vette alte del Pollino tra pianori e faggi monumentali.
Periodo: Dicembre/Febbraio.
A partire da 35 euro pax
(Servizio guida 1 ora, fornitura ciaspola, assicurazione)

11* Arte in ogni parte

Tra le tante attività proposte quella di Arte in ogni parte è forse la più curiosa ed adatta a piccoli gruppi che
vorranno sporcarsi le mani!
L`attività prevede l`affiancamento di un Tutor prezioso d`altri tempi…un ARTIGIANO!!!
In presenza del nostro maestro d`arte verrà data la possibilità ai partecipanti di realizzare con le proprie

mani il loro personale ed inestimabile souvenir che si porteranno a casa come testimonianza della volontà
di essersi messi in gioco sporcandosi le mani di arte e ingegnosità!!!
Verrà scelta dal gruppo una tra le tecniche di pittura, incisione o modellismo quella più gradita ed il nostro
Tutor trasmetterà le proprie conoscenze ai vari partecipanti fino a portarli al punto che ognuno si sarà
realizzata la propria opera d`arte con le proprie mani sporche questa volta di soddisfazione!!!
Programma:
9:00-9:15 Briefing di benvenuto;
9:15-9:45 organizzazione gruppo e scelta tecnica;
9:45-10:45 Dimostrazione del Maestro;
10:45-13:00 Realizzazione opere;
13:00-13:30 Consegna Attestati e Certificati di Qualità.
(Attività rivolta a gruppi già organizzati o con minimo 8 partecipanti in caso il programma può essere esteso a
tutta la giornata )
Costo 40 euro cad
( servizio guida e organizzazione location, Tutor, Materiali di consumo, Assicurazioni).
In caso di giornata intera la quotazione si farà in modo personalizzata.

12*Botanicando

Questa è un attività rivolta agli appassionati del mondo dei vegetali, durante l`escursione si farà particolare
attenzione ai dettagli legati al mondo Verde. Ricercheremo le essenze principali e rappresentanti le varie
famiglie principali partendo dalle più semplici per arrivare alle più complesse ed evolute.
Si potrà parlare di erbe officinali, di frutti di bosco, fiori e orchidee insomma tanta roba!!
Potremo poi scegliere se soffermarci ai dettagli di un determinato luogo in modo generale oppure ricercare
qualcosa di specifico e creare una nostra personale ceklist con tanto di quaderno di campagna per il
censimento.
Programma
9:00-9:15 briefing
9:15- 12:30 ricerca essenze per ceklist
Costo 60 ( servizio guida, materiale per schedatura essenze, assicurazione)

13* FotoTrek day or night

In un momento storico come il nostro sempre più in aumento sono i Fotoamatori, questa Esperienza si
rivolge a loro. Tanti sono i luoghi da cui l`occhio dell`appassionato può avere il suo momento di gloria
immortalando con un click l`attimo giusto che ritrae il dettaglio di un paesaggio piuttosto che di uno scorcio
del borgo o dell`attimo fuggente di un uccello in volo o qualsiasi essere selvatico. Ma per fare tutto questo
bisogna conoscere il punto giusto, e qui si entra in gioco con loro accompagnandoli in base ai loro interessi (
Borgo/Paesaggio/Animali) nei luoghi più adatti e poco frequentati in modo da garantirgli quell`esclusiva
dell`attimo giusto!!
Preventivi personalizzati
Inoltre a tutti questi già descritti possono aggiungersi in modo personalizzato tante altre opzioni e tra
queste la visita a borghi limitrofi a Civita quali: Morano Calabro, Cerchiara di Calabria, Altomonte,
Orsomarso, San Lorenzo Bellizzi e tanti altri ricchi di storia e panoramici unici.

Da qui si parte per poter assemblare modificare e creare pacchetti unici per Esperienze indimenticabili da
un giorno ad un weekend oppure arrivare a riempire persino una settimana in tour
Ambientali/Naturalistici/Enogastronomici e Culturali del Centro I Sette Venti del Pollino.

Con la Convezione stipulata con “I Sette Venti del Pollino” al momento della prenotazione citate il codice “Sp” per ottenere uno sconto immediato del 5% sull`importo totale del Pacchetto.

FONTE

FONTE

FONTE

Info: 3406659574

Falconieri Dei Setteventi.
Vico Martiri, 87010 Civita CS
https://maps.app.goo.gl/DbhcoEHDLZGD8XVL9
https://www.facebook.com/www.falconierideisetteventi.it

Pacchetto turistico Calabria 2021

Raggiungere la Calabria in auto

 

La Calabria è raggiungibile in automobile da qualsiasi parte d’Italia, mediante la rete autostradale e nello specifico mediante l’autostrada A2 del Mediterraneo  o Salerno – Reggio Calabria che termina proprio in Calabria. La A2 ha ca 70,00 euro di  pedaggio. Si può arrivare in Calabria percorrendo il litorale Tirrenico Statale 18 e infine  la statale 106 che costeggia la litoranea Jonica. Le più importanti vie di comunicazione in regione sono pertanto:

• Autostrade
A2 del Mediterraneo  o Salerno – Reggio Calabria

• Superstrade
– Lamezia Terme – Catanzaro Lido
– Delle Terme (Guardia Piemintese Terme – Cassano Ionio)
– Paola – Cosenza – Camigliatello Silano – Crotone (la Sila)
– Rosarno – Gioiosa Ionica Marina (l’Aspromonte)

• Strade statali
– SS 18 – tirrenica
– SS 106 ionica

Raggiungere la Calabria in Treno

 

L’infrastruttura ferroviaria in Calabria si estende per circa 850 km di linee, circa 115 le stazioni. La rete fondamentale è costituita da:

• la direttrice Tirrenica (Roma-Napoli)-Praia-Paola-Lamezia Terme-Reggio Calabria, che – oltre a collegare le più importanti località della costa tirrenica calabrese tra loro e con le principali città della Campania e del centro Italia – è funzionale alla connessione tra la rete ferroviaria siciliana e il resto della rete nazionale, in particolare attraverso il collegamento marittimo da Villa San Giovanni a Messina.

Fanno parte della rete complementare:

• la direttrice ionica nord-sud (Taranto-Metaponto-) Rocca Imperiale-Reggio Calabria, importante per il collegamento della costa ionica calabrese con le principali località della Basilicata e della Puglia;
• la linea trasversale Paola-Sibari che consente il collegamento della direttrice tirrenica con quella ionica;
• la linea trasversale Lamezia Terme-Catanzaro-Catanzaro Lido.

Aeroporti in Calabria

 

In Calabria sono presenti 3 aeroporti, di seguito elencati:

• Aeroporto di Reggio Calabria: https://reggiocalabriaairport.it/
• Aeroporto di Lamezia Terme: http://www.sacal.it
• Aeroporto di Crotone: http://www.sacal.it

Le principali compagnie aeree che solcano i cieli della Calabria sono:
– Air Dolomiti
– AirOne
– Alitalia
– AlpiEagles
– Germanywings
– Lufthansa
– MyAir
– Ryanair
– Virgin Express

Porti in Calabria

In Calabria sono presenti i seguenti porti con le rispettive tratte:

• Porto di Gioia Tauro
• Porto di Reggio Calabria – collegamenti Messina e Isole Eolie; speciale per Malta
• Porto di Sibari (frazione di Cassano Ionio)
• Porto di Vibo Valentia – collegamenti Isole Ionie
• Porto di Villa San Giovanni – collegamenti con la Sicilia
• Reggio Calabria- Isole Eolie aliscafi USTICA lines tutto l’anno, due al giorno d’inverno.
• Reggio Calabria-Sicilia traghetti della Caronte
• Porto di Vico Equense

Calabria
Calabria SAN NICOLA ARCELLA
Calabria
Calabria
Calabria
Calabria
Calabria

Gianni Rosato Attore Calabrese TV e Cinema 2022 (parisesilvestroofficial.it)

Calabria
Calabria
Calabria

LA CALABRIA ….Stiamo arrivandooo…quì troverete i posti magici dove trascorrere le vostre vacanze! 

una regione dove storia e paesaggio si fondono per creare un connubio estasiante, una regione intrisa di gioia di vivere, dove anche l’aria che si respira sollecita il buon umore. La regione con alcuni dei luoghi balneari più belli del mondo, sormontata dai monti della Sila e dalla irrompente energia della sua gente. Una terra che vale la pena visitare anche solo per assaggiarne le delizie enogastronomiche. Una terra dalla quale ogni turista torna con qualcosa dentro…».

Partiamo dal nome: Calabria. Il termine viene dal greco “Calos” buono e “rheofluo” ovvero Brjo, che vuol dire emanare o scaturire. E sono stati gli antichi greci che di qui passarono a chiamarla così, per la grande abbondanza di cose buone e necessarie all’uomo che in essa spontaneamente si trovavano.

Scipione Mazzella, storico napoletano, motivando tale decisione, nella sua descrizione del “Regno di Napoli” del 1601, nel capitolo “Calabria Citra, Quinta Provintia”, così riporta: «Non si trova parte non dirò in Italia, ma in tutta Europa che possa contendere con questa, non essendo veramente cosa niuna necessaria alla vita humana che si desideri per delitie, che non si trovi in gran copia e con ogni perfetione; Talchè corrispondendo d’ogni parte gli effetti convenienti al suo nome si vede chiaramente che la natura istessa si sia più rallegrata in lei, dotandola di tante gratie, che in qualsivoglia altro paese».

Ma la cosa non finisce qui, oltre alle “deliziose condizioni ambientali esistenti” citate dagli scrittori antichi, a esaltare ancora di più questo immenso patrimonio che madre natura ha voluto benevolmente donare ai calabresi, ci si mette pure il New York Times. Il giornale statunitense ha designato  la Calabria tra le 52 mete turistiche imperdibili, unica regione italiana in lista.

Ed è La Repubblica a riportare: “Dalla tradizione alla sperimentazione gastronomica contemporanea, il giornale americano sottolinea come la cucina calabrese di oggi non si basi solo sulla notissima ‘Nduja e sull’incredibile produzione di Bergamotto, ma anche e soprattutto sull’agricoltura biologica e la riscoperta di vitigni autoctoni”.

Calabria

FONTE